Associazione Ticinese di Judo e Budo (ATJB)
Associazione Ticinese di Judo e Budo (ATJB)

Ritorna

Bello spettacolo di Elia Guzzi al 3 Castelli
Ottime le prestazioni dei ticinesi in gara. Bellinzona
03.05.08..Bellinzona

Circa 800 atleti provenienti da sei nazioni (Svizzera, Italia, Liechtenstein, Germania, Austria e Francia) prenderanno parte sabato e domenica al palaghiaccio di Bellinzona alla 15a edizione del torneo internazionale di judo "Città dei Tre Castelli". Organizzata dal locale Judo Budo Club, la manifestazione raduna numerosi concorrenti di assoluto valore ed inoltre è la terza tappa valida per le qualifiche alla fase finale dei campionati svizzeri. Un evento dunque di grande richiamo e che, come lo scorso anno, promette un grande spettacolo.


Sui cinque tatami preparati dagli organizzatori del locale Judo Budo Club al Centro Sportivo di Bellinzona, nello scorso fine settimana si sono dati appuntamento oltre seicento judokas provenienti da Svizzera, Italia Francia, Germania e Lichtenstein, in occasione del 15° Torneo di Judo Città dei 3 Castelli.
Un centinaio di persone in meno rispetto alla scorsa edizione, a causa della concomitanza con la festività dell’Ascensione/1 ° maggio ma sicuramente non di minore qualità, anzi, questo fine settimana ha regalato agli appassionati spettatori la possibilità di assistere a combattimenti molto interessanti e di ottimo livello tecnico.
A livello di società la parte del leone lo ha fatto l’A.S.D. Geesink Modena che, presente con una cinquantina di atleti, ha ottenuto il maggior numero di medaglie. Nell’élite maschile la presenza di buona parte della squadra del Judo Club Brugg, laureatosi campione svizzero 2007, ha indubbiamente reso molto competitive diverse categorie. Ma l’incontro più appassionante e spettacolare della giornata ha visto di fronte al primo turno nella cat. –60kg il campione svizzero in carica Michael Iten (Fuji San Baar) a Ludovic Chammartin di Romont, reduce dai campionati europei di Lisbona dello scorso aprile, che ha visto quest’ultimo prevalere al golden score dopo ca. 8 min. di grande judo, per poi vincere dominando la categoria.
Per quanto riguarda i ticinesi segnaliamo prima di tutto l’ottima prestazione del giovane Elia Guzzi, Do Yu Kai Chiasso, che ha vinto nella categoria più numerosa degli U17, ossia la –66 kg, inanellando una serie di successi per ippon (prima del termine) e confermando così i grandi progressi da lui fatti negli ultimi due anni grazie alla sua dedizione e al suo impegno. Con il successo ottenuto il nazionale Elia Guzzi conferma il primo posto nel ranking nazionale ed il suo diritto di partecipazione ai prossimi campionati d'Europa di categoria previsti per inizio luglio.
Nella stessa cat. buona prova di Jonathan Rezzonico (Waza Capriasca) settimo classificato. Stéphanie Cardone, SDK Bellinzona si è confermata come sempre ad alti livelli conquistando l’oro nella cat. junior e il bronzo nella cat. élite. Ottimo anche il risultato di Serena Ciresa (Chiasso), argento donne –63, di Luigi Mascaro argento juniori –55 nonché di Olmo Rigotti (7+ Roveredo) cadetti –50. Gli atleti ticinesi hanno conquistato anche un bronzo con Carlo Chiavenna (Chiasso) negli élite –81. Da segnalare anche i 5 posti di Joël Casada e Nicola Dal Pian (JBC Bellinzona) e di Manrico Frigerio (DYK Chiasso).
Per quanto riguarda la gara delle categorie U14 maschile e femminile i rappresentanti ticinesi hanno ottenuto un buon bottino di medaglie, segnatamente 3 ori con Francesco Zanasi (DYK Chiasso), domenica in particolare evidenza, Quendrim Kqiku (Budo Zen Taverne) e Ljubica Markovska (JBC Lugano), 3 argenti con Stefan Protic (Lugano), Simona Mesterhazy (JC Ceresio) e Davide Plozza (JC Moesa), 3 bronzi con Patrick Fibbioli (7+), Kevin Oliveri (Chiasso) e Sharon Musatti (7+).
Il torneo Città dei 3 Castelli si è quindi nuovamente rilevato un buon successo per gli organizzatori del Judo Budo Club Bellinzona premiati per il loro sforzo (una cinquantina ca. i volontari anche di altri club della Svizzera Italiana impegnati nei 2 giorni di gare) dai numerosi positivi feed-back di apprezzamento ricevuti a caldo dai partecipanti.

 

 

Nella foto Guzzi